Portfolio   2010 Alessandro Procaccioli. All Rights Reserved Extrascenica, acrilico su intonaco, misure variabili, 2016   “Extrascenica” è il termine che denota l’interesse per il decentramento, lo spostamento di attenzione per via di qualcosa che ostacola lo sguardo. In generale, il concetto di spazio ha almeno due significati: il primo è lo spazio fisico, il luogo della rappresentazione, il secondo è lo spazio dell’immaginazione. All’interno del “luogo pittorico” può essere delimitato lo spazio fisico o scenico, ovvero il perimetro della rappresentazione vera e propria, e lo spazio dell’immaginazione, un luogo mentale che viene richiamato grazie allo sforzo immaginativo cui lo spettatore è costretto dalla scelta dell’artista che ne ha creato i confini, lasciandosi aperta la possibilità di variare continuamente le dimensioni e la forma di quel luogo. Il paesaggio, di conseguenza, nell’opera Extrascenica, da rappresentazione si fa evocazione. I testi presenti nel sito sono di Katia Cappellini